Riserva naturale orientata La Timpa

È il territorio di Acireale ad ospitare questa riserva naturale.

Il termine “Timpa” fa chiaro riferimento al promontorio, che si innalza dai 10 ai 200 metri sul livello del mare nella sua parte più elevata, che costituisce la particolarità dei 225 ettari (questa la superficie della Riserva) a ridosso dei sette km di costa tra Catania e Riposto, partendo da Capo Mulini fino a Santa Maria degli Ammalati. La sua istituzione risale al 1999.

Il territorio è costituito da diversi strati di lava ricoperti solo in casi sporadici dalla macchia mediterranea; infatti, sono numerose le rocce di origine vulcanica mentre poche le faglie dove cresce una fitta vegetazione.

Come detto, la superficie della Riserva è di circa 225 ettari, suddivisi in due zone:

  • Zona A di Riserva Integrale, più ampia
  • Zona B di Preriserva con una superficie meno estesa

Le famose chiazzette rappresentano la parte centrale della Timpa; famosa la scalinata che collega Acireale al borgo marino di Santa Maria la Scala.

Vista la superficie, prevalentemente costituita da rocce laviche dell’Etna, la flora presente è soprattutto rappresentata da arbusti mediterranei; tra tutti l’euforbia arborea la cui importanza è legata ai propri colori.

Alcuni piccoli rapaci costituiscono le principali attrattive a livello faunistico. Da notare, inoltre, la presenza dell’occhiocotto, un tipico uccello mediterraneo caratterizzato da piume grigiastre.

L’importanza della Riserva è legata al suo elevato valore sia in ambito naturalistico che geologico; inoltre notevole fascino riveste il suo panorama mozzafiato e la presenza di un ambiente marino incontaminato.

veduta_dalla_timpa_N

 

 

Gestore: Azienda Foreste Demaniali della Regione Sicilia
Centro visite e uffici: Comune di Acireale
Tel. 095 895249


Visualizzazione ingrandita della mappa