Trionfo a Santa Rosalia

Rusulia santa Vergini amurusa
Gigghiu addivatu fusti all’acqui puri
La discinnenza tua fù priziusa
Di Carlo Magno Re imperaturi

Pi essiri a Diu la cilesti spusa
Di ncelu nterra ci detti st’onuri
Apposta nta stu munnu fù mannata
Pi essiri di Palermu l’avvocata

Essennu la Sicilia turmintata
D’indigni manigoldi e saracini
La santa liggi vineva discacciata
di chisti barbari indigni er assassini…

…sennu nata Santa Rusulia
triunfu fici la corti riali
tuttu lu populu gran festa ci facia
pi li biddizzi, nun c’eranu l’iguali

la matri assai la figghia stimava
la santa liggi ci misi a mparari
e la mparava cu n’affettu piu
e la Virginedda misi ad amari a Diu…etc…

….un certu jornu vosi pittinari
la cammarera a Santa Rusulia
di perli e gioie la misi a ntricciari
na li so beddi capiddi c’havia

ma pi cchiù megghiu falla ncapricciari
ccà c’è lu specchiu guardati ci dicia
mentri a lu specchiu si guardava fissu
ci accumpariu Gesù Crocifissu….etc…

 

Rosalia santa Vergine amorosa,
giglio sei stata, allevata alle acque pure
la tua discendenza fù preziosa,
da Carlo Magno, Re ed Imperatore..

per essere di Dio celeste sposa
dal cielo in terra le fù dato l’onore,
apposta in questo mondo fù mandata,
per essere di Palermo l’avvocata…

essendo la Sicilia tormentata
da indegni manigoldi e saraceni
la santa legge veniva disprezzata
da questi barbari indegni ed assassini…

essendo nata Santa Rosalia,
trionfo tenne la corte reale
tutto il popolo faceva festa
per la sua bellezza che non aveva uguali

la madre assai stimava la figlia
e la santa legge cominciò ad insegnarle
gliela insegnava con pio affetto
e la Verginella cominciò ad amare Dio…

Un certo giorno volle la cameriera
pettinare Santa Rosalia,
di perle e gioie mise ad intrecciare
quei bei capelli che lei aveva

Ma per meglio farla scapricciare,
– qui c’e’ lo specchio, guardati…-diceva…
mentre allo specchio si guardava fisso
le comparve Gesù Crocifisso…etc…