Seleziona una pagina

ARTI E MESTIERI con la lettera T

Spesso ci si chiede se oggi si possa ancora utilizzare il termine mestiere o se fosse più giusto parlare di artigiano; sicuramente fino a qualche anno fa quando una persona esercitava un lavoro manuale con cui si guadagnava da vivere veniva visto come colui che esercitava un mestiere e anzi veniva ricordato proprio per il mestiere che faceva. Purtroppo in Sicilia, ma anche in molti altri posti, alcuni antichi mestieri oggi non esistono più o comunque sono in via di estinzione; troppo comodo l’uso della tecnologia e dell’elettronica nella fabbricazione dei prodotti rispetto al lavoro manuale, ma nello stesso tempo bisogna dire che molti mestieri non hanno più la loro iniziale importanza economica per essere ancora in uso.

Attraverso un elenco si vogliono ricordare i principali mestieri che, in Sicilia, si sono sviluppati e che tanto hanno dato agli uomini di allora; è chiaro che la maggior parte di essi richiama il territorio di appartenenza quindi si fonda sull’economia e sul commercio locale. Si trattava di lavori complessi che richiedevano sudore e fatica; molti lavoratori svolgevano il loro mestiere per parecchie ore al giorno, spesso partivano anche di notte a piedi o con l’asino in base al luogo che dovevano raggiungere e alla fine della giornata ad essi non rimaneva altro che sedersi a tavola per consumare la loro povera cena.

Le nostre ricerche, basate su tutta l’isola, richiamano termini di uno o altro dialetto; di conseguenza, alcuni lavori possono avere dei nomi differenti in base al luogo o alla provincia dove essi hanno trovato sviluppo.

ARTI E MESTIERI con la lettera T

TAMMURINARU (Tamburino)

Rispetto ad alcuni mestieri scomparsi oggi la figura del tamburino è ancora presente in particolare nelle sagre, nelle feste o nelle processioni. Con il passare del tempo il ruolo però è cambiato: anticamente il tamburino era una specie di banditore che pubblicizzava ad esempio un negozio che stava facendo particolari sconti o aveva il ruolo di richiamare l’attenzione su un determinato evento o su alcune iniziative specifiche. Il ritmo del tamburo richiamava soprattutto i bambini che lo seguivano e lo incitavano. Oggi, come detto, il tamburino è utilizzato per le feste, per allietare le sagre o per accompagnare le processioni.

Pin It on Pinterest

Share This