Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera E

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera E

E fu a riggina ca iappi bisognu ra vicina

E anche la regina ebbe bisogno della vicina

 

E’ bberu ca ‘u picciottu po’ moriri, ma ‘u vecchiu ‘un po’ campari

È pur vero che un ragazzo può morire, ma nemmeno il vecchio può campare
E’ bona donna ‘a fimmina ca ‘un parra

Una brava donna è colei che parla poco
E’ inutili ca ‘ntrizzi e fai cannola, ‘u santu è di marmuru e ‘un suda

E’inutile che ti fai bella con trucco e i bigodini se l’uomo è freddo come il marmo

 

È inùtili fiscàri s’u sceccu ‘un nn’havi siti…

È inutile fischiare, se l’asino non ha sete
E’ inutili ca ‘o porcu ci menti ‘u cilindru, tantu sempri porcu è

E’ inutile mettere il cilindro in testa ad un maiale, tanto rimane un animale

 

E’ megghiu n’amicu chi nu tintu parenti

E’ migliore un amico, che un parente cattivo.
Enzu furria ammenzu pasta, patate c’a sassa ‘nto menzu

Enzo rotola tra la pasta, patate con in mezzo la salsa
Essiri ‘na musca nta ‘n mmoscu

Essere piccolo come una mosca in un bosco

Pin It on Pinterest

Share This