Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera O

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera O

 

‘O cori ‘un si cumànna

Al cuore non si danno ordini
‘O scìnniri, tutt’ i santi ajùtanu

In discesa tutti i santi aiutano

 

Occhiu cu’nviri, cori cu’ndoli

Occhio che non vede, cuore che non duole

 

Occhi cchini e manu vacanti

Occhi pieni e mani vuote – dicesi di chi si riempie gli occhi di cose che non puo’ avere

 

Occhi chi aviti fattu chianciri,chianciti

Occhi che avete fatto piangere, piangete

 

Occhiu ch’un viri, cori c’un criri

Occhio che non vede, cuore che non crede

 

Oggi sìemu in fiura, rumani in sepurtura

Oggi siamo in figura, domani in sepoltura
Ogni ficatìeddu ri musca è sustanza

Qualunque cosa può essere utile

 

Ogni lassata è piersa

Ogni cosa lasciata è perduta
Ogni ‘mpidimìentu è giuvamìentu

Ogni impedimento è giovamento

 

O a cairni è dura, o u cutìeddhu c’on taghia

O la carne è dura, o il coltello che non taglia

 

O ti manci sta minìestra o ti ìettu ra finìestra

O ti mangi questa minestra o ti butto dalla finestra

 

Ogni nasu sta bìeddhu a so facci

Ogni naso sta bello alla sua faccia

 

Ogni pilu mi pari na travi

Anche le piccolezze mi danno fastidio e mi sembrano grandi come travi

 

Ogni tìesta è tribunale!

Ogni testa è un tribunale!
Ogni tinta acqua lìeva a siti!

Qualsiasi acqua, anche non potabile, toglie la sete!
Ogni beni ri Diu veni

Ogni bene viene da Dio
Ogni cosa o’ so’ tempu

Ogni cosa, al suo tempo
Ogni focu forti si fa cìnniri

Ogni fuoco forte diventa cenere
Ogni midicamentu .. e’ giuvamentu

Tutte le medicine giovano
Ogni prumìssa è dèbbitu

Ogni promessa è debito
Ogni santu c’avi i so divoti

Ogni santo ha i suoi devoti

 

Ogn’omu havi lu so’ difèttu

Ogni uomo ha il suo difetto
Ognunu tira a braci ‘o so cudduruni

Ciascuno raccoglie la brace attorno alla sua focaccia – ognuno pensa a se stesso

 

Ognùnu tira acqua o’ so’ mulìnu

Ognuno tira acqua al suo mulino
Omini all’ antu e fìmmini o’ suli, scanzàtini, Signùri!

Uomini sul campo di lavoro e donne a prendere il sole, Dio ci scampi e ci liberi!
Omu ri vinu’ un vali un carrìnu

L’uomo ubriaco non vale un soldo

Pin It on Pinterest

Share This