Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera F

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera F

Fa beni e scordalu, fa mali e pensaci

Fai del bene e scordalo, fai del male e ricordati a chi l’hai fatto
Facci ca ‘un è vista è disiddirata

Un viso nascosto viene desiderato di più

 

Facemu cuntu ca ‘gghioppi e scampo’

Facciamo finta che è piovuto ed è tornato sereno – che non sia successo nulla
Fai beni ‘a jatta ca t’aratta

Fai del bene al gatto e lui ti graffia
Falla comu voi, sempri cucuzza è!

Puoi condirla come vuoi, sempre una zucca rimane
Fatt’a nomina e va curcati

Fatti una reputazione e vivi di rendita
Ficu fatta, carimi ‘mmucca

Fico maturo, cadimi in bocca – lo si dice in modo ironico allo sfaticato
Figghi e dinari ‘un si nni mmana chi a sarvari

Figli e denari non vanno prestati a nessuno

 

Figghi maritati .. peni in quantitati 

Figli sposati…  danno tantissime preoccupazioni

 

Figghi nichi… peni nichi, figghi ranni … peni ranni

Figli piccoli danno poche preoccupazioni, figli grandi ne danno molte

 

Figghioli e porci comu li insigni li trovi

Figli e maiali, come li educhi così crescono
Figglia di gatta si ‘un muzzica gratta

Figlia di gatta se non morde graffia
Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta

Nemmeno da lontano si saluta una donna barbuta
Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona

La donna fine viene apprezzata come una regina
Fimmina ca havi russuri attira chiù d’i ricchizzi

Il pudore è la ricchezza che più attrae in una donna

 

Fimmina ca ‘un s’allucia all’oru, vali chiossai di ‘n trisoru

La donna che non si lascia corrompere dalle ricchezze ha un valore incalcolabile
Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru

Scegliere: la donna lavoratrice, la gallina di pollaio, e la triglia a gennaio

 

Fimmina e birritta … tenitilla stritta

Le donne devono essere tenute strette dagli uomini così come tengono stretti i berretti

 

Fimmini e iaddini … ‘ppi girari assai si perdunu

Le donne come le galline se vanno in giro troppo si perdono

 

Fimmini e voi de paisi toi

Le donne da sposare e i buoi meglio sceglierli del proprio paese

 

Fimmina ‘mpiegata si ‘un è maniata è tuccata

La Donna che lavora, se non tradisce è stata quanto meno toccata
Fimmina senza amuri è ‘nu ciuri senza uduri

La donna senza l’amore è come un fiore che non ha odore
Fimmini schetti e maritati senza figghi ne’ pi dinari ne’ pi cunsigghi

Zitelle e donne sposate senza figli non son buone né in prestito e nemmeno per consigli
Fimmini: capiddi longhi e ciriveddu curtu

Le donne hanno i capelli lunghi e cervello corto

 

Finiu comu o sceccu d’o francufuntisi … quannu s’anzigno’  a nun manciari … mossi

Finì come l’asino del francofontese, quando imparò a non mangiare … morì

 

Frivarèddu beddu tuttu, jorna longhi e misi curtu

Febbraio bello tutto, giorni lunghi e mese corto
Frivaru cuttu e amaru

Febbraio mese corto e con pochi frutti

 

Fujiri è vriogna, ma è sarbamintu di vita

Fuggire è vergognoso, ma salva la vita
Fungi, pateddi e sfinci spenni assai e nenti manci

Funghi, patelle e frittelle costano molto ma non saziano
Funtana ca duna acqua a du’ vadduni, ‘un po’ fari du’ cori cuntenti

La sorgente d’acqua che si divide in due fiumi non può accontentare tutti e due
Futti e futtitinni

Frega e fregatene
Futti, futti ca Diu pirduna a tutti

Ruba pure, che il Signore perdona tutti
Futtiri addritta e caminari ‘nda rina portanu l’omu a la ruvina

Fare l’amore dritti in piedi e camminare sulla sabbia portano l’uomo alla morte

Pin It on Pinterest

Share This