Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera G

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera G

Genti ca nun si fa l’affari soi … c’a lanterna ‘va circannu vai

La gente che non si fa i fatti suoi … con la lanterna va cercando guai

 

Gigghia ncucchiati e ucchi senza risu .. sunu martoriu puru ‘mpararisu 

Gente accigliata e che non ride mai .. e’ mortorio pure in Paradiso

 

Gilusu di culu, jarrusu sicuru

Chi è geloso del proprio fondoschiena è sicuramente omosessuale

 

Granci, pateddi e fungi, spenni assai e nenti mangi

Granchi, patelle e funghi spendi molto e niente mangi

 

Guai cu la pala e morti mai

Guai a palate, ma mai la morte

Pin It on Pinterest

Share This