Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera M

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera M

Megghiu pìerdiri l’amicu ca scattari u viddhicu

Meglio perdere l’amico che rodersi l’ombelico – La pazienza ha i suoi limiti

 

Megghiu muriri ca malu campari

Meglio morire che vivere male

 

Megghiu na vùota arrussicari ca cìentu vùoti aggiarniari.

Meglio arrossire una volta che farsi giallo di bile cento volte.

 

Ma chi avi u saccu chi pupi?

Ma cos’hai un sacco con i burattini? – Qualcosa ti diverte senza motivo?

 

‘Mbriachi e picciriddhi, Diu l’aiuta

Ubriachi e bambini, Dio li aiuta

 

Mancia ca ti rapi u pitittu

L’appetito vien mangiando

 

Mittìennu u pani sutta i rìenti,u pitittu sa risìenti

Mettendo il pane sotto i denti,l’appetito ritorna

 

Mancia sanu e vivi malatu

Mangia sano e vivi da malato

 

Marinàru chi dormi, ‘un pigghia pisci

Marinaio che dorme, non pesca

 

Marititi marititi c’abbenti … ti levi ‘npinzeri e ti ni metti tanti

Sposati! Sposati! Dato che hai premura! ti togli un pensiero e ne acquisti tanti

 

Marìtu vecchiu megghiu ‘ri nenti

Meglio un marito vecchio che restare nubile
Marzu pazzu caccia ‘a vecchia ‘nno’ jazzu

Marzo pazzo costringe la persona anziana al riparo
Marzu ti fa a facci a catinazzu

Marzo ti fa [chiudere] la faccia come un catenaccio – ti fa serrare occhi e bocca

 

Marzu, ogni troppa è jazzu, ma cunzatìllu bonu ‘u jazzu, chi ‘u friddu ri marzu si ‘nfìla nn’ i corna ri voj

Marzo, ogni pianta può essere un riparo, ma si deve preparare bene, perché il freddo di marzo s’infila nelle corna dei buoi
Masculìddu pirùzzu r’addàvuru, fa’u fruttu e fa’u ciàuru. Fimminàzza piràzzu rl chiuppu, ‘un fa ni’ ciàuru ni’ fruttu

Il maschio è come un ramo di alloro: profuma e fa i frutti; la donna è come un ramo pioppo: non fa ne profumo ne frutto
Matrimòni tardiì, òrfani primintii

Matrimoni tardivi, orfani prematuri

 

Mancia ru to mancia e ru tuo saziatinni

Mangia del tuo e del tuo saziatene

 

Mutu cu sapi u iuocu!

Zitto chi conosce il gioco! – Chi sà la verità, non parli!

 

Mùortu u parrinu, finìeru i figghiuozza!

Morto il padrino, si allontanano tutti i figliocci! – Se viene a mancare l’interesse che avevi per farti vedere, adesso non vieni più

 

Mancu è natu e Cola si chiama

Non è ancora nato e Nicola si chiama
Mentri u mericu sturìa, u malatu sinni và

Mentre il medico studia, il malato muore

 

Mi misi l’acqua rintra e u rubinìettu fuora

Mi sono messo l’acqua dentro casa ed il rubinetto fuori.

 

Megghiu riri chi sacciu, ca chi sapìeva

Meglio dire che so, che dire dopo che sapevo

 

Megghiu l’uovu oggi, ca addhina rumani

Meglio oggi l’uovo, che domani la gallina

 

Megghiu pirdillu ca attruvallu

Meglio perderlo che trovarlo

 

Ma sarbò ra parti a trinca

Mi ha conservato come carne arrosto la trinca (cioè la parte migliore)
Megghiu un tintu cunusciutu, ca un bùonu a cunusciri

E’meglio un cattivo conosciuto, piuttosto che un buono da conoscere

 

Mi quantu pisi? Si fattu i chiummu?

Ma quanto pesi? Sei fatto di piombo?

 

Mi misi ‘na pucci n’aricchi

Mi ha messo una pulce nell’orecchio
Mi facisti liccari i baffi!

Mi hai fatto leccare i baffi!
Mùortu un Papa, sinni fà ‘navutru

Morto un Papa, se ne fà un altro
M’abbruciò u pagghiuni!

Mi ha bruciato (richiesto) molti soldi!
Mancia pani a trarimìentu!

Mangia pane a tradimento!
Megghiu aviri chi fari, ca malu riri!

E’ meglio avere cose da fare, che essere sparlato dagli altri

 

Mi fa ririri e mi fa rùariri

Mi fa ridere e mi fa struggere dentro

 

Ma sta facìennu a manicu ri paracqua

Me la sta facendo come un manico d’ombrello

 

Mi ‘npignavu l’ùocchi!

Mi sono impegnato gli occhi!
Megghiu pìerdiri ca strapìerdiri!

Meglio perdere che rovinarsi del tutto!

 

Megghiu disiari … c’aviri e nun gudiri

Meglio desiderare .. che possedere tante cose e non poterne godere

 

Megghiu essiri ammiriatu ‘ca mischiniatu

Meglio essere invidiato che commiserato

 

Megghiu picca gòriri, ch’ assai tribuluàri

Meglio godere poco, che tribolare molto
Megghiu sulu … ca malu accumpagnatu

Meglio star solo .. che in cattiva compagnia

 

Megghiu vinu feli chi acqua meli

Meglio il vino fiele che l’acqua miele

 

Mèttiri ‘u carru r’avànz’ ‘i voj

Mettere il carro davanti i buoi – impedire a qualcuno di poter fare qualcosa
Mpara l’arti … e mettila da parti

Impara l’arte, ti potra’ servire nel futuro

 

Munnu ha statu e munnu e’

Mondo è stato, e mondo è
Munti cu’ munti ‘un si jùnciunu mai

Monti con monti non s’incontrano mai.

Pin It on Pinterest

Share This