Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera N

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera N

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata

Non lodare la giornata se prima non arriva la sera

 

Nuddhu si pigghia s’un s’assimiglia

Nessuno si sposa se non si rassomiglia

 

Nuttata pìersa e figghia fimmina

Nottata persa e figlia femmina – tanta fatica e scarso risultato
Nun sugnu saccu ca mi sdivacu

Non sono come un sacco che si svuota subito
‘Nsignati l’arti e mìettila i parti

Impara l’arte e mettila da parte.

 

Na bùotta a vutti e na bùotta o timpagnu

Un colpo alla botte e uno al coperchio
Nun cuitari u cani chi duormi

Non molestare il cane che dorme

 

Natali cu suli e Pasqua cu tizzuni

Natale con il sole e Pasqua con il freddo

 

Nun fari a atta frittaluora!

Non fare la gatta frettolosa!
‘Na nuci rintra un saccu, unni fa scrusciu

Una noce dentro un sacco, non fa rumore

 

Nè cùogghi, nè lassa cùogghiri

Nè raccoglie, ne lascia raccogliere
N’ àvutra puvirènzia manna Diu

Un altro bene manda Dio… La Provvidenza Divina, non abbandona mai alcuno…
N’ patri a centu figghi i campa … centu figghi ‘o patri no

Un padre sostiene cento figli … ma cento figli non sostengono il padre

 

Na bona parola costa nenti e vali assai

Una buona parola non costa niente e vale molto

 

Na casa ca nun c’e’ cura … vacci ‘a notti quannu scura

Nelle case disordinate, meglio andarci di notte per non vedere il disordine

 

Na manu lava l’autra … e tutti rui si lavanu a faccia

Una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso

 

Natali e Pasqua cch’e toi … cannaluvari cu ‘cu voi

Natale e Pasqua con i tuoi, carnevale con chi vuoi

 

Ne’ di venniri ne’ di marti … nun si spusa ne’ si parti

Di venerdì e di martedì .. non ci si sposa ne’ si parte

 

Nenti ci nn’havi di stu munnu … cu tira a carretta tuttu l’annu

Niente ha di questo mondo …  chi tira la carretta lavora tutto l’anno

 

Nenti si fa chi nenti si dici (si sapi)

Se niente si fa, niente si dice
No’ tutti ‘i spighi vannu ‘a timògna

Non tutte le spighe sono adatte ad essere macinate
Nori rattalori

Le nuore sono ispide come le grattugie

 

‘Ntra mèrici e mammane squagghijàu ‘a crijatùra

Tra medici e levatrici è sparita la creatura

 

Nuddu e’ ‘ndispinsabili a stu munnu … o rittu o stottu, gira tuttu l’annu

Nessuno e indispensabile a questo mondo .. dritto e storto gira tutto l’anno

 

Nuddu fa nenti pi nenti

Nessuno fa niente per niente
Nuddu ti rapi s’un ti sapi

Nessuno ti ruba se non ti conosce
Nun circari u pilu ‘ntra l’ovu

Non cercare il pelo dentro l’uovo  – Non essere troppo pignolo

 

Nun cogghiri l’ogghiu supra ‘o maccu

Non raccogliere l’olio sopra il macco (pietanza fatta con le fave)

 

Nun diri all’autri chiddu ca nun si

Non dire agli altri quello che non sei

 

Nun disprizzari a petra minuta … ti po’ serviri pi li to’ mura quarchi vota

Non disprezzare la pietra piccola … ti potra’ servire per costruire la tua casa

 

Nun fari beni … ca mali ti ni veni

Non far del bene … che male te ne viene

 

Nun prumettiri doni ‘e Santi e mancu cuddureddi ‘e picciriddi

Non promettere doni ai Santi o regali ai bambini … se non puoi mantenerli

 

Nun tiniri amicizia cu li sbirri. ca cci perdi lu vinu e li sicarri

Non tenere amicizie con i gendarmi, perchè perdi vino e sigari

 

Nun tirari a petra a ogni cani c’abbaia

Non tirare la pietra ad ogni cane che abbaia – non essere polemico con tutti

 

Nzoccu nun fai ‘ppi ‘tia … all’autri nun fari

Cio’ che non fai per te, non farlo agli altri – Non fare agli altri cio’ che non vorresti sia fatto a te

Pin It on Pinterest

Share This