Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera P

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera P

Pampinedda di ruvettu .. tu ti cucchi e iu mi iettu

Fogliolina di rovo .. tu ti abbatti e io mi butto

 

Pani e vinu rinforza lu schinu

Pane e vino rinforzano la schiena

 

Pani ruru e cuteddu ca nun tagghia

Pane duro e coltello che non taglia – dicesi delle persone inette che si mettono insieme

 

Pani schittu e pitittu

Pane senza companatico e appetito

 

Panza mia fatti visazza!

Pancia mia.. fatti capanna! – dicesi davanti a cibo abbondante
Passu arrubbàtu passaci sicùru

Posto rubato, passaci sicuro

 

Parru cu me suoggira e mi sìenti me nuora

Parlare alla suocera perchè intenda la nuora

 

Punciri u scìeccu n’acchianata

Pungere l’asino in salita
Paliermu è uomu dabbeni, cu va va e cu vieni vieni

Palermo è come una persona perbene, ci si può fidare sempre

 

Pensa ppi oggi … ca ppi dumani ci pensa cu ci campa

Pensa al presente … il futuro lascialo a chi ci viene dopo

 

Penza a cosa … avanti c’a fai … c’a cosa pinzata e’ bedda assai

Ragiona su cio’ che vuoi fare, prima di farlo … la cosa ragionata è molto bella

 

Pìensa a cuosa prima ca fai, picchì a cuosa pinsata è bella assai

Pensa la cosa prima che la fai, perchè la cosa pensata è bella assai

 

Pigghiari avanti

Pigliare avanti – Attaccare prima di essere colpito o accusato

 

Patti avanti e amicizia luonga

Mantenuti i patti, l’amicizia resta
Priricari lu riunu a panza china

Chi ha la pancia piena dice agli altri di digiunare

 

Pun sapiri lìeggiri e scriviri

Per non sapere leggere e scrivere

 

Pigghiari l’acqua ca cartieddha

Prendere l’acqua con la cesta
Pìensa u mali si vuoi u bìeni

Pensa al male se vuoi il bene

 

Pu tintu, patisci u bùonu

Per colpa del cattivo, subisce anche il buono

 

Pi la cannilùora ri lu ‘nvernu semu fùora

Per la candelora dell’inverno siamo fuori

 

Pigghiò scìecchi pi lampiuna!

Ha preso asini per lanterne!
Puru l’ùocchiu vùoli a so parti

Anche l’occhio vuole la sua parte
Pigghia a spata ca punta!

Prende la spada per la punta! – Difendersi animosamente

 

Pi San Martinu ogni mustu è vinu!

Per San Martino ogni mosto diventavino!

 

Pigghia a vita cùomu vìeni!

Accetta la vita in qualsiasi modo si presenta!

 

Pirdisti u scìeccu cu tutti i carrubbi!

Hai perso l’asino con tutto il carico di carrubbe!

 

Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti, ca di la bedda ti nnì fai cuntento

Prendila bella e prendila pure senza dote, perchè della donna bella puoi compiacerti

 

Pigghiàri ‘u focu cu ‘i manu r’ àvutri

Pigliare ii fuoco con le mani degli altri

 

Pignata taliata ‘un vugghi mai

Pignata guardata spesso, non bolle mai

 

Pisci for’ acqua è pisci mortu

Pesce fuor d’acqua, è pesce morto
Ppi oggi spennu e spannu … dumani paiu u dannu

Per oggi spendo molto … domani paghero’ il danno

 

Pri mennuli muddisi a l’Aragona pri picciotti beddi a la Favara

Ad Aragona per le mandorle spaccatelle, a Favara per le belle donne

 

P’u scantu ri li corvi, un siminàru i favi

Per paura dei corvi, non seminano le fave

 

Puru ca teni laria a mugghieri … si t’alluntani mettici pinseri

Anche se tieni la moglie brutta … se t’allontani sorvegliala
Pigghiarisi atti a pittinari

Prendersi gatti per spazzolargli il pelo
Pigghia tiempu e camperai!

Perdi tempo e campa tranquillo!
Passati a manu no pìettu!

Passati la mano nel petto!
Pari na cataplasima!

Sembra un impacco di semi di lino!
Putia e ùortu stacci mùortu!

Bottega e orto stagli anche morto!
Pisciasti fùora u rinali!

Hai urinato fuori il vaso da notte!

Pin It on Pinterest

Share This