Seleziona una pagina

Proverbi e detti siciliani con la lettera Q

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi e detti siciliani con la lettera Q

Quannu si pìerdi, l’amicu si chianci

Quando si perde l’amico si piange

 

Quannu a viduva si rispusa … a bona armuzza e’ sempre casa casa

Quando la vedova si risposa .. la buon’anima e’ sempre presente

 

Quannu chiovi marzu e aprìu, tutti rùrici vennu chini

Quando piove a marzo e ad aprile, tutti e dodici (mesi) vengono pieni
Quannu Diu ti voli aiutari … sapi a casa e ti veni a truvari

Quando Dio ti vuole aiutare … sa la tua casa e ti viene a trovare

 

Quannu l’amicu nun senti a prima vuci e’ signu ca u riscussu nun ci piaci

Quando l’amico finge di non sentire, è segno che il discorso non gli piace

 

Quannu l’amici vennu ‘a malacera ‘un servi a nenti

Quando gli amici vengono, accoglierli male non serve a niente
Quannu lampìa ra marina, mancia bivi e statti ‘n cucina

Quando ci sono lampi dal lato del mare, mangia, bevi, e stai in cucina
Quannu lampìa r’a muntàgna, pigghia ‘a zappa e vattìnni ‘n campagna

Quando i lampi vengono dalla montagna, prendi la zappa e vai in campagna
Quannu u maritu e’ puvireddu … mancu a mugghieri u’ po viriri

Quando il marito e’ povero … neanche la moglie lo puo’ sopportare

 

Quannu u sceccu ‘mpara a diunari … stira li zampi e perdi di campari

Quando l’asino impara a digiunare, smette di lavorare e vuol dire che deve morire

 

Quannu ‘u suli nesci, nesci pi’ tutti

Quando il sole esce, esce per tutti

 

Quannu u tempu e’ to’ apprufittatinni … e di cu’ parra parra futtitinni

Quando i tempi ti sono favorevoli ..approfittane! … e se qualcuno sparla di te .. fregatene!

 

Quannu veni u mumentu .. nun c’e’ scusa e salvamentu

Quando viene il momento [di morire] … non esiste ne’ scusa ne’ salvezza
Quannu u scìeccu un vùoli viviri enutuli friscarici

Quando l’asino non vuole bere è inutile che gli si fischi
Quannu u attu un c’è i succi abballanu

Quando il gatto non c’è i topi ballano

 

Quannu c’è r’nmienzu l’amicizia, un ci pò mancu la giustizia

Quando c’è l’amicizia di mezzo, non ci può nemmeno la giustizia
Quannu u piru è maturu cari sulu

Quando la pera è matura cade da sola

 

Quannu a furtuna vota li spaddhi, ogni amicu s’arritira

Quando la fortuna volta le spalle, tutti gli amici si ritirano.
Quannu u riavulu t’alliscia vuoli l’arma

Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima

 

Quannu c’è u rammi e tè, l’amicizia sìempri c’è

Quando i regali vengono ricambiati, l’amico resta soddisfatto

 

Quannu a panza è china, pari aira a racina

Quando la pancia è piena, l’uva sembra acerba

 

Quannu ci sunnu tanti cani supra un uossu, è megghiu tinirisi arrassu

Quando vi sono troppi cani sopra un osso, è meglio tenersi distanti
Quannu a vulpi un’arriva a racina, rici ca è rancida

Quando la volpe non arriva all’uva, dice che è acerba

 

Quannu u re era re ci mancava u cafè, ora ca è ‘mperaturi ci manca u caliaturi

Quando il re era re gli mancava il caffè, adesso che è imperatore gli manca il tostacaffè

 

Quattru ùocchi virinu cchiossai ri rui

Quattro occhi vedono molto pù di due

 

Quannu chiuovi un sicca nìenti

Quando piove non secca niente

 

Quannu a Santa Chiara arrubbaru, ci misiru i grati

Dopo che hanno rubato Santa Chiara, hanno messo le porte di ferro

 

Quannu u misi è ddi quaranta, io vi pagu a tutti quanti

Quando il mese è di quaranta giorni, io vi pago a tutti quanti
Quannu u bùonu un c’è, u tintu sìerbi

Quando non c’è una cosa migliore, quella peggiore può ancora essere utile

 

Quantu su’ l’acchijanàti, su ‘i scinnùti

Quante sono le salite tante sono le discese

 

Quantu va n’amìcu ‘n piazza ‘un cci vannu cent’unzi “n cascia

Quanto vale un amico in piazza, non potranno mai valere cento once (soldi) nella cassa.
Quantu vali la saluti … nun valunu li dinari

Quanto vale la salute … non valgono tutti i denari

 

Quantu vali n’amicu ‘n chiazza .. nun valunu cent’unzi ‘ntra cascia

Quanto vale un amico in piazza .. non vale tanto denaro accantonato

Pin It on Pinterest

Share This