Seleziona una pagina

Proverbi e detti Siciliani con la lettera A

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

 

Proverbi e detti con la lettera A

‘A biddizza è menza dota

Per una donna la bellezza è già mezza dote
‘A casa senza ‘a fimmina ‘mpuvirisci

La casa senza una donna si impoverisce
‘A collira d’a sira, sarbatilla ppa’ matina

La collera della sera conservala per il mattino seguente
‘A cosa ‘ncimata è menza cusuta

Una cosa cominciata è per metà finita
‘A filazza ammazza

Lo spiffero sottile uccide
‘A fimmina è comu li muluna: mmenzu a centu ci nn’è bona una

La donna è come il melone, tra cento ce n’è una buona
‘A iaddina ca camina, s’arricogghi c’a vozza china

La gallina che razzola, si riempie il gozzo
‘A iaddina fa l’ovu e ‘o iaddu c’abbampa ‘u culu

La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sedere
‘A jatta prisciulusa fici ‘i jattareddi orbi

La gatta frettolosa fece i gattini ciechi
‘A lavari la testa au sceccu si perdi acqua, sapuni e tempu

Lavare la testa all’asino fa perdere acqua, sapone e tempo
‘A li poviri e a li sbinturati, ci chiovi ‘nta lu culu macari assittati

Tale è la sfortuna dei poveri e degli sventurati da piovere nel culo anche se sono seduti
‘A li ricchi ricchizzi, a li scarsi scarsizzi

Ai ricchi le ricchezze e ai poveri niente

‘A liggi è uguali pi tutti ma cu avi i picciuli si nni futti

La legge è uguale per tutti ma chi ha i soldi se ne frega
‘A lingua ‘un avi ossa ma rumpi l’ossa

La lingua non ha ossa, ma può fare molto male
‘A lu caru avvicinatici, a lu mircatu pènsaci

Al costoso avvicinati, diffida della merce a prezzi bassi
‘A lu siggiri prestamenti a lu paiari lentamente, po’ succediri gualchi ‘ncidenti e ‘un n’nai nenti

Se devi ricevere soldi riscuoti subito, se devi pagare fallo lentamente, può succedere un incidente e non ti rimane niente
‘A lu tò amicu veru parraci chiaru

All’amico sincero parla con chiarezza
‘A lu viddanu ‘un ci toccunu ‘nguanti, ma ‘a zappa ‘ncoddu e ‘u sceccu ravanti

Niente guanti per il villano, ma la zappa sulle spalle e l’asino d’avanti
‘A matinata fa ‘a iurnata

Di mattina presto si lavora meglio
‘A megghiu parola è chidda ca ‘un si dici

La parola migliore è quella che non viene detta
‘A morti sula ‘un c’è riparu

Contro la morte non c’è alcun riparo
‘A ‘na cosa leggia ‘un ci purtari spini

In una situazione delicata non portare spine
‘A pagghia vicinu ‘u focu, pigghia focu

Vicino al fuoco la paglia prende fuoco
‘A paredda si pigghia ro’ manicu

La padella va presa dal manico
‘A picura ppì diri bè persi lu muzzucuni

La pecora, per dire “be” perse il morso
‘A pignata taliata ‘un po’ vugghiri mai

La pentola guardata non bolle mai
‘A puvirtà unn’ è virgogna, ma mancu preju

Non bisogna vergognarsi della povertà, ma nemmeno vantarsi
‘A quattara ca va all’acqua, o si rumpi, o si ciacca

La brocca con cui si va a prendere l’acqua, prima o poi, o si rompe, o si incrina
‘A razza ‘un fa cauliceddi

Se non è di buona razza cose buone non ne fa
‘A scuzzaria ‘mmenzu ‘a via, ‘o so immu ‘nsu talia

Camminando la tartaruga non vede la sua gobba – A volte guardiamo i difetti degli altri e non ci accorgiamo dei nostri
‘A spiziali nun tastari, a firraru nun tuccari

Dallo speziale non assaggiare, dal fabbro non toccare
‘A stizzania percia ‘a timpa

La goccia buca la roccia
‘A tavula ci mangiunu ‘i patruni e cu’ travagghia ‘un avi zoccu voli

A tavola si siedono i padroni, mentre chi lavora non ha ciò che desidera
‘A tempu di pira: “zziu Pe’! zziu Pe’!”, fineru li pira, e finì lu ziu Pe’!

In tempo di raccolta – di pere – tutti chiamano zio Peppe, finita la raccolta nessuno più lo cerca
‘A tempu ri caristia, ogni funtana leva ‘a siti

In tempi di carestia, ogni fonte disseta
‘A tempu ri caristia, ogni pirtusu è galleria

In tempi di penuria, ogni buco è galleria
‘A tempu ri guierra, ogni pirtusu è trincea

In tempi di guerra, ogni fosso è riparo
‘A tempu ri racina e ficu ‘un c’è né cumpari e né amicu

In tempo di raccolta di uva e fichi ‘un c’è nessuno che dia una mano

 

‘A tempu ri tempesta ogni bucu è portu

In tempo di tempesta ogni anfratto è un porto
‘A vecchia avìa cent’anni e ancora ‘mparava

Anche a 100 anni, la vecchia voleva ancora imparare
‘A vita iè comu ‘a scala do’ puddaru: iè cutta e china ‘i medda

La vita è come la scala del pollaio, corta e piena di cacca
Accatta caru e vinni mircatu

Compra caro e vendi a prezzo di mercato
Accatta di quattru e vinni di ottu

Acquista a quattro e vendi a otto
Accatta e vinni quannu si priatu e fatti zitu quannu si anningatu

Compra e vendi quando sei richiesto e fidanzati quando sei preteso
Accatta munizza du’ tò munnizzaru e si ‘un n’hai accattala a cantaru

Compra immondizia dal tuo immondezzaio e se non ne hai comprane a iosa
Accatta n’diavulu cent’unsi e ‘un n’minghiuni n’sanari

Compra il diavolo a caro prezzo anziché uno sciocco per poco
Accumincia ad arricchiri cu accumincia a disprizzari li ricchizzi

Comincia a diventare ricco colui che inizia a disprezzare le ricchezze
Acidduzzu ‘nta la aggia ‘un canta p’amuri, ma pi’ raggia

L’uccello nella gabbia non canta per amore, ma per rabbia
Acqua ca duna a tanti vadduni a mari ‘un ci n’arriva

L’acqua che si divide in tanti torrenti, non arriva al mare
Acqua cunsigghi e sali, a cu n’addumanna ‘n ci nni dari

Acqua consigli e sale, se non vengono richiesti non si regalano
Acqua passata ‘un macina mulinu

L’acqua passata non fa girare più la macina del mulino
Addu o senz’addu, Diu fa jornu e senza lu to crivu spagghiu e cernu

Con o senza il canto del gallo, il Signore fa sorgere ugualmente il sole ed anche senza il tuo setaccio io riesco ugualmente a pulire e selezionare il grano

 

Agneddu e sucu e finiu ‘u vattiu

Dopo mangiato l’agnello al sugo è finito il battesimo – finita la festa
Aiu tanta raggina appisa ca mi cadi lu curmu di la casa

Possiedo tanta uva appesa che il tetto della casa mi sta crollando
Alliccari e dilliccari è capu di custioni

Adulare o disprezzare qualcuno è causa di litigio
Ama a cu’ t’ama si vo’ aviri spassu, chi amari a cu ‘un t’ama è tempu persu

Ama chi ti corrisponde se vuoi provare piacere, perchè amare chi non ti ama è tempo perduto
Ama a cu’ t’ama, rispunti a cu’ ti chiama

Ama chi ti ama e corrispondi con chi ti chiama
Ama a cui t’ama, a cui nunt’ama, lassalu

Ama colui o colei che ti ama, se non ti ricambia lascialo/a
Amaru cu è nno bisuognu

Amare qualcuno è un bisogno
Amaru cu ‘un avi chi vinniri dopu a fera

Giorni amari aspettano chi non ha nulla da vendere dopo la fiera
Amici e vadditi

Guardati dall’amico
Amicu cu tutti, fidili cu nuddu

Amico con tutti, fedele a nessuno
Amicu fausu è malu vicinu, ti jetta la petra e ammuccia la manu

L’amico falso è un cattivo compagno, ti lancia la pietra e nasconde la mano
Ammatula ca ‘ntrizzi e fai cannòla, lu santu è di màmmuru e ‘un suda

E’ inutile che ti pettini e ti fai le trecce e i boccoli, il santo è di marmo e non suda; se l’amore non corrisposto non c’è nulla da fare
Ammatula ca ti piettini e t’allisci, ‘u cuntu ca t’ha tratu ‘un t’arrinesci

E’ inutile che ti pettini e rendi lisci i capelli, ciò che ti sei prefissata non ti riesce
Ammuccia lu latinu ‘gnuranza di parrinu

Si nasconde nel latino l’ignoranza del prete

 

Ammuccia, ammuccia, ca tuttu pari

Nascondi, nascondi, ma alla fine tutto viene fuori
Ammucciari ‘u cielu cu’ criu è inutili

Inutile tentare di nascondere il cielo con un setaccio
Amuri, biddizzi e dinari, sunu tri cosi ca ‘un si ponu ammucciari

L’amore, la bellezza e il denaro sono tre cose che non si possono occultare
Amuri, tussi e fumu non si ponu teniri ammucciati

Amare, tossire e fumare non si possono nascondere
Aranci aranci, cu havi guai si li chianci

Arance arance, chi è nei guai se li piange
Arbulu chi ‘un fa frutta tagghialu di sutta

Albero che non dà frutti taglialo alla base
Arraspa ‘o to’ amicu unni ci mancia

Gratta dove al tuo amico prude
Arvulu ca ‘un fa ciuri, tagghialu di radichi

Albero senza fiori, taglialo alla radice
Asini e picciriddi, Diu li aiuta

Asini e bambini, li aiuta Dio
Aspittari e ‘un viniri, jiri a tavula e ‘un manciari, jiri a lettu e ‘un durmiri, su’ tri peni di muriri

Aspettare chi non arriva mai, mettersi a tavola e non avere appetito e andare a letto senza prendere sonno, son tre pene che ci fanno morire
Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta

Una risposta buona data a cattive parole vale molto e non costa niente
Attacca lu sceccu dunni voli ‘u patruni

Attacca l’asino dove vuole il padrone – Obbedire ciecamente chi comanda
Avanti ‘na vota arrussicari ca tanti voti aggiarniari

Arrossire una sola volta è meglio che sbiancare tante volte
Avanti picca a godiri ca assai a trimuliari

Meglio avere poco e goderselo che avere molto e penare

Pin It on Pinterest

Share This