Seleziona una pagina

Proverbi siciliani e detti con la lettera R

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi siciliani e detti con la lettera R

Ra matìna si viri u bonu jornu

Dal mattino, si vede il buongiorno

 

Ra testa, feti u pisci

Il pesce puzza dalla testa
Ragghiu di sceccu nunn’arriva ‘n cielu

Il ragliare dell’asino non arriva in cielo

 

Ri Santa Lucia a Natali quantu un passu i cani. Ri Natali all’annu nuovu quantu un passu r’uomu

Da Santa Lucia a Natale quanto un passo di cane, da Natale all’anno nuovo quanto un passo d’uomo
Rizzi, pateddhi e granci, spenni assai e nìenti manci

Ricci, patelle e granchi, molto spendi e poco mangi

 

Rui sunnu i putienti, cu avi assai e cu un’avi nienti

Due sono i potenti,chi ha tanto e chi non ha niente

 

Riali ricchi attuppanu l’aricchi

Regali ricchi otturano le orecchie
Ri bùona matri pigghia la figghia

Se la madre è una brava donna che gestisce bene la famiglia, la figlia le somiglierà

 

Ri chiddhu ca viri, pocu ni criri; ri chiddhu ca sìenti, un cririri nìenti

Di quello che vedi, credine poco; di quello che senti, non credere a niente

 

Ri jornu un ni vuogghiu e a sira sprau l’uogghiu

Di giorno non ne voglio e la sera sciupo l’olio della lampada

 

Ri tutti ‘i ligna un si po’ fari un fasciu

Di tutta la legna non si può fare un fascio

 

Ri unni mi ‘gghiovi … mi sciddica

Da dove mi piove addosso, mi va giu’ – dicesi di chi è strafottente

 

Ri vinti a trienta nè tira nè allìenta, ri trienta in su un sìervi chiù

Dai venti ai trent’anni la donna ha molte richieste di matrimonio, dai trenta in su non serve più

 

Ri l’aria vìennu e di l’aria sinni vannu

I soldi non guadagnati se ne vanno veloci come il vento

 

Ristò cu l’ùocchi chini e i manu vacanti

E’ rimasto con gli occhi pieni e le mani vuote

 

Ri viannari e di martiri, ne s’accatta ne si parti

Di venerdi e di martedi, non si compra ne si parte

 

Rici mamma Ruocca, si guarda ma nun si tùocca

Dice mamma Rocca, si guarda ma non si tocca
Rue addhi non puddhàru un ponnu stari

Due galli in un pollaio non possono stare (perchè si azzuffano)

 

Runni cari ‘ u sceccu si susi

Nel punto dove cade, lì l’asino si alza

 

Russu ri sira , bon tempu si spira 

Rosso di sera, bei tempo si spera.

Pin It on Pinterest

Share This