Seleziona una pagina

Proverbi siciliani e detti con la lettera S

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi siciliani e detti con la lettera S

S’ammiria fussi vaddara … tutti fussumu vaddarusi

Se l’invidia fosse l’ernia, l’avrebbero tutti

 

Sabba a pezza pi quannu veni u puttusu

Conserva la pezza per quando si presenta il buco

 

Saluti e vita, ci rissi lu bicchieri alla cannata

Salute e vita! Disse il bicchiere alla bottiglia

 

Sangu e dinari … quantu cchiu picca ti ni poi livari

Sangue e soldi … te ne devi disfare quanto meno puoi farlo

 

Sapi cchiu’ r’u mèricu sapùtu, ‘u malàtu patùtu

Sa più del medico competente, il malato che ha sofferto

 

Sapi cchiu u malatu patutu … ca u mericu saputu

Ne sa di più il malato sofferente .. che il medico dotto

 

Sapi cchiu’ un pazzu ‘n casa sua, ch’ un dottu ‘n casa r’ àvutri

Sa più un pazzo in casa propria che un dotto in casa di altri

 

Sarvati u’ manciari … nun ti sarvari i subbizza di fari

Risparmia e conserva il cibo, non le faccende di casa

 

Scantàrisi ri l’ùmmira sua

Aver paura della propria ombra

 

Scecca vascia … pudditra pari

L’asina bassa … sembra una puledra

 

Scecchi e picciriddi … Diu l’aiuta

Asini e bambini …. Dio li aiuta

 

Sciarri di maritu e mugghieri, durano finu a lu lettu

Liti tra marito e moglie finiscono sempre a letto

 

Scrusciu ri scupa nova

Rumore di scopa nuova

 

Se u silenziu fussi oru … nun ci fussi ‘na fimmina ricca

Se il silenzio fosse oro, non ci sarebbe piu’ donna ricca – si usa con le donne che parlano troppo

 

Se acqua avissi vinu vivissi,siccomu acqua nun’aiu viviri acqua aiu

Se avessi acqua berrei vino, siccome acqua non ho,bere acqua dovrò – Mi devo accontentare

 

Senza mugghieri o’ latu … l’omu nunn’e’ biatu

Senza la moglie accanto, l’uomo non e’ felice

 

Senza sordi nun si canta missa .. senza stola nun si cunfessa

Senza soldi non si dice la messa .. senza stola non confessa

 

Sgavita a farina .. quannu a maidda e’ gghina Quannu u funnu pari .. e’ inutili sgavitari

Risparmia la farina quando la madia e’ piena .. Quando si vede il fondo e’ inutile risparmiare

 

Si vò passari la vita cuntìentu, statti luntanu da li parienti

Se vuoi stare tranquillo stai lontano dai parenti

 

Si a ogni cani c’abbaia ci tiri na pìetra nun c’arrivi chiù

Se tiri una pietra ad ogni cane che abbaia non c’è la fai più
Scuru scuru, chiù scuru ri mienzannotti un pò fari; poi agghiorna

Quando sei disperato che vedi tutto buio, ti consola il fatto che dopo il buio più pesto, ritorna la luce
Scusa nun dumannata, accusa dichiarata

Se non si chiede scusa, è come ammettere che l’errore è stato fatto apposta

 

Si cuosa bùona vo fari, ri figghiu masculu ha cuminciari

Se cosa buona vuoi fare, da figlio maschio devi cominciare

 

Sciatu ra ‘mmatri e vuogghiu riri!

Fiato di madre e voglio dire!
Si vò campari, vìecchiu addhivintari

Se vuoi vivere a lungo, devi diventare vecchio

 

Stìenniri u pìeri quantu u linzualu tìeni

Non allungare il piede più di quanto può contenere il lenzuolo

 

Si chiovi a santa Caterina, ni fa ‘na quarantina

Se piove a santa Caterina pioverà per altri quaranta giorni
Si ciaràru i naschi

Si sono annusati

 

Si Marsala avissi lu portu Trapani fussi mortu

Se a Marsala ci fosse il porto, Trapani sarebbe finita

 

Si miscàru porci e pècuri

Si sono uniti maiali e pecore
Si su’ rosi ciurirànnu

Se sono rose, fioriranno.

 

Si ti suttametti all’omu tintu … azzappi all’acqua e simini o ventu

Se ti sottometti all’uomo malvagio, e’ come zappare nell’acqua e seminare al vento

 

Si ti vói ‘nzignàri a fari retta, accatta: roggiu, chitarra e scopétta

Se vuoi indebitarti compra: l’orologio, la chitarra e il fucile.

 

Si ‘un chiovi ‘a cannilòra ‘u ‘nvernu è sciutu fora

Se non piove alla candelora l’inverno volge al termine
Si voi arricchiri … fai l’arti vili

Se vuoi arricchire … fai i mestieri piu’ modesti

 

Si voi pruvari li peni di lu ‘nfernu, lu ‘vernu a Missina, e la stati a Palermu

Se vuoi provare le pene dell’inferno passa l’inverno a Messina, e l’estate a Palermo

 

Si’ lignu ri chiuppu … comu i petri ro ciumi .. ca nun pigghiunu lippu

Sei come il legno del pioppo .. come le pietre del fiume dove non s’attacca il muschio

 

Si’ lignu ri ficu … ca nun fa’ amicizia mancu ‘co focu

Sei come il legno del fico .. che non riesci a fare amicizia neanche con il fuoco
Si u patri ri cretini

Sei il padre dei cretini
Si u filìettu ru fanghu

Sei il filetto del fango
Si uncìeru l’ogghiu fitusu e a parieddha spunnata

Si sono associati: L’olio sporco con la padella bucata
Saccu vacanti un pò stari agritta

Sacco vuoto non può stare dritto – Chi non ha mangiato non può reggersi in piedi

 

Si banniera i cannavazzu

Sei come una bandiera di stracci
Supra a carta si canta a musica

Sopra lo spartito si legge la musica – Senza soldi non si fà nulla

 

Sunnu u lazzu ca strummula

Sono come il laccio e la trottola
Si runa aiutu chi manu e chi pìeri

Si dà aiuto colle mani e con i piedi
Stu uocchiu un pò viriri all’avutru uocchiu

Quest’occhio non può veder l’altro occhio

 

Su parìenti ri me parìenti ca a mia un mi vìennu nìenti

Sono parenti dei miei parenti che a me non vengono niente

 

Si runa a zappa ne pìeri!

Si da, lui stesso, un colpo di zappa ai piedi!
Si un piruocchiu arrinisciutu

Sei un pidocchio riuscito – chi non vale nulla
Si dduru comu na pìetra!

Sei duro come una pietra!
Sugnu chinu cuomu na vutti

Sono pieno come una botte piena di vino – ho mangiato tanto

 

Si pigghiò a manu cu tuttu u pìeri!

Si è preso la mano con tutto il piede!
Succiessi un fuocu ranni!

E’ accaduto un fuoco grande – una disgrazia o un fatto grave

 

Si sienti na cacuocciula!

Si sente un carciofo!
Si trùova muru cu muru cu spitali

Si trova muro contro muro con l’ospedale
Sunnu cùomu cani e gatti!

Sono come i cani con i gatti – che litigano sempre

 

Ste parrannu cu muru!

Sto parlando col muro! – mi stai ascoltando!

 

Sta purtannu u mùortu a cacari!

Stai portando il morto a defecare!
Si fici i piatticieddhi!

Si è fatto i piatti piccoli!
Si sìenti no so iardinu!

Si sente nel suo giardino!

 

Sprìemiti a miruddha!

Spremiti la mente!

 

Sidd’e’ ca ‘n paci voi stari cu tutti … pacenzia, corpu miu finci e agghiutti

Se in pace vuoi stare con tutti .. abbi pazienza, corpo mio fingi e inghiotti

 

Siti u sicchiu ‘cca codda

Siete come il secchio con la corda – dicesi di due amici inseparabili

 

Soccu si simìna s’arricògghj

Ciò che si semina si raccoglie
Sparagna ‘a farina, mentri c’a coffa è china

Risparmia la farina quando la gerba è piena
Staciùni e ‘mmernu ‘un lassàri ‘u mantèllu

In estate e in inverno, non lasciare il mantello
Stenni li peri … ‘ppi quantu teni

Fai il passo ..per quanto lunga è la tua gamba

 

Stuppa mi rasti e stuppa ti filai … tu mi tincisti e iu t’anniricai

Guai mi hai dato e guai ti ho rifilato .. tu mi hai fatto del male e io ti ho ricambiato

 

Su si n’chiuri ‘na potta … si rapi ‘n putticatu

Se si chiude una porta, si apre un portone

 

Su t’ambriacari … cerca vinu bonu

Se ti devi ubriacare .. cerca il vino buono

 

Sulità, santità, pani schittu e libertà, ‘na coscia ccà e una ddà.

Solitudine, santità, pane senza companatico e libertà, una gamba a manca ed una a destra

 

Sunu cchiu furtunati e benvuluti … buffuni, ruffiani e gran curnuti

Sono più fortunati e benvoluti … buffoni, ruffiani e gran cornuti

 

Sutta peddi d’agneddu c’e’ cori di lignu

Sotto pelle d’agnello c’e’ un cuore di legno – un aspetto docile può nascondere un cuore di legno

 

Pin It on Pinterest

Share This