Seleziona una pagina

Proverbi siciliani e detti con la lettera T

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi siciliani e detti con la lettera T

 

Tantu va a quartara all’acqua finu a quannu si rumpi

Tanto va la brocca all’acqua fintantocchè si rompe

 

Tri sunnu li boni muccuna, ficu, piersichi e muluna

Tre sono i buoni bocconi, fichi, pesche e meloni

 

Ti spiegasti a meravigghia, cùomu na scatula ri pruvigghia

Ti sei spiegato a meraviglia, come una scatola di borotalco

 

Tira chiù un pilu ri na fimmina, ca trienta paia di vuoi

Tira di più un capello di una donna, che trenta paia di buoi
Ti vagnasti prima ri chiuoviri

Ti sei bagnato prima di piovere

 

Ti rugnu buoffi a dui a dui finu a quannu addivìentanu dispari

Ti do schiaffi a due a due fino a quando diventano dispari
Ti rugnu na carcagnata!

Ti dò una gran pedata!

 

Tìeni ru pìeri ‘nta na scarpa

Tiene due piedi in una scarpa
Ta manci a spisa!

Hai un grand’appetito!

 

T’a spagnari do cani ca rommi

Ti devi spaventare del cane che dorme

 

Tali patri … tali figghiu

Com’è il padre, così è il figlio

 

Tanti testi, tanti mazzi

Tante teste, tanti fasci (tanti gruppi)

 

Tantu scrusciu pi’ nenti

Tanto rumore per niente

 

Testa c’un parla si chiama cocuzza

Testa che non parla, si chiama zucca

 

Ti manci sta minestra .. o ti ietti ra finestra

O ti mangi questa minestra .. o ti butti dalla finestra

 

Tintu chiddu ca nun senti cunsigghiu

Sbaglia chi non accetta i consigli

 

Tiriti l’acqua p’o to’ mulino … prima ca n’apprufitta u vicinu

Tira l’acqua al tuo mulino … prima che se ne approfitti il tuo vicino

 

Ti manciasti lu scìeccu e ti cunfunni pi la cura

Ti sei mangiato l’asino e adesso rifiuti la coda
Ti livasti u tistali!

Ti sei lasciato andare a spese pazze!

 

Truvasti u pilu ‘nta l’uovu!

Hai trovato il pelo nell’uovo!

 

Tintu cu mùori, e cu rìesta s’arrisìetta!

E’ male per chi muore, mentre chi rimane in vita si consola presto!
Ti manciasti a ron Cola carùogna cu tutti li cùorna!

Ti sei mangiato a Don Nicola (carogna) con tutte le corna

 

Tanti pizzicuna fannu i cairni nivuri!

Tanti pizzichi ti hanno fatto venire molti lividi e qui la pelle è diventata nera

 

Tanti su acchianati, quantu su i scinnuti!

Tante sono le salite, quante sono le discese!

 

Ti manciassi i uvita a muzzicuna!

Ti mangerei i gomiti a morsi!
Tintu cu havi ri bisùognu!

E’ brutta cosa avere bisogno dagli altri!

 

Tri fimmini fannu ‘n mircatu … quattru n’a fera

Tre donne insieme fanno un mercato, quattro una fiera)

 

Tri parma ri falàri fannu l’omini minchijàli

Tre palmi di grembiule rendono l’uomo scemo.

 

Trivulu ‘nsigna a ‘gghianciri!

Le traversie insegnano a piangere

Pin It on Pinterest

Share This