Seleziona una pagina

Proverbi siciliani e detti con la lettera U

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi siciliani e detti con la lettera U

U lupu pìerdi u pilu ma no u viziu

Il lupo perde il pelo ma non il vizio

 

U pisci fìeti ra tìesta

Il pesce puzza dalla testa

 

U buongiornu si viri ri matina

Il buongiorno si vede dal mattino

 

U mastru è mastru, ma u patruni è capumastru

Il mastro è mastro, ma il padrone è capomastro

 

U lìettu è na gran cùosa: si un si rùormi s’arripùosa

Il letto è una cosa utilissima: se non si dorme si riposa

 

Un fari bruoru!

Non fare brodo!
U scieccu unni cari si susi

L’asino dove cade si rialza

 

U putiaru zoccu avi abbannia

Il bottegaio vende quello che ha

 

U cacciaturi c’assicuta ru cunigghia, unu ci scappa e l’avutru n’un lu pigghia

Il cacciatore che insegue due conigli, uno gli scappa e l’altro non lo piglia

 

U pitrusinu era bìeddhu, vinni a atta e ci pisciò

Il prezzemolo era bello, è venuta la gatta e ci ha fatto la pipì
U fìerru si batti quannu è cavuru

Il ferro si batte quando è caldo

 

U dutturi si canusci ‘o passari .. e i campani ‘o sunari

Il dottore si riconosce quando passa e le campane quando suonano

 

U’ granciu chi nichìa ‘a cufurùna, coi rici peri torti a ‘sta giuràna

Il granchio, infastidisce la tartaruga, e dice alla rana che ha i piedi storti
U iattu quannu si lava a facci … tannu ‘gghiovi

Il gatto quando si lava la faccia …. sta a significare che pioverà

 

U longu ‘gghinu di ventu … U cuttu ‘gghinu di sentimentu

L’uomo alto e’ pieno di vento (di niente), quello corto e’ pieno di sentimento

 

‘U malu guaragnàtu, prestu è cunsumàtu

Il guadagno facile è presto consumato
U’ mangiari ccl niscìu r’i naschi

Il cibo gli esce dalle narici

 

‘U megghiu amìcu t’ingànna

Il migliore amico t’inganna
U megghiu beni è lu menu mali

Il miglior bene è il minor male

 

U mònacu ci rissi ‘a batissa : “senza rinàri ‘un si canta ‘a missa”

Il monaco disse alla badessa : “senza soldi, non si canta la messa”

 

‘U ‘ngannu cari supri ‘u ‘ngannatùri

L’inganno ricade su chi inganna

 

U pararisu nun’apri puttuni .. si bona mancia a San Petru nun duni

Il paradiso non apre le porte .. se una buona mancia a San Pietro non dai

 

U pisci ru mari è ristinàtu cu si l’havi a mangiari

Il pesce del mare, è destinato chi deve mangiarlo – non si può cambiare il destino)
U pisciaru ‘nzoccu porta vannia

Il pescivendolo grida il nome del pesce che ha portato

 

‘U porcu sinsonna sempri ‘a ghijànnira

Il maiale sogna sempre le ghiande – la persona avida sogna sempre la ricchezza
U primu sangu e’ trarituri

I parenti piu’ stretti possono essere i primi a tradire

 

U priricava patri cannavazzu … fa chiddu ca ti ricu e no chiddu ca fazzu

Lo predicava Padre Canavazzo … fai ciò che dico e no ciò che faccio

 

U pruvatu nun pruvari … ca cchiu provi peggiu u trovi

Ciò che hai provato non provarlo più … poiché se continui a provarlo, peggio lo troverai

 

U riavulu quannu t’accarizza voli l’arma

Il diavolo quando t’accarezza, vuole la tua anima

 

‘U rispèttu è misuràtu ch’u porta l’havi purtàtu

Il rispetto è misurato: chi lo da, lo riceve

 

U saziu nun criri o diunu

Il ricco non crede a chi ha di bisogno

 

U signuri manna i viscotta a cu nunn’avi ianchi

Il Signore manda biscotti a chi non ha denti

 

U Signurùzzu ‘i cosi ‘i fici dritti, vinni ‘u rijàvulu e ‘i sturcìu

Il Signore, fece le cose buone, ma poi venne il diavolo e le rese storte
‘U sinzàru soccu havi abbannìa

L’ortolano mette in piazza ciò che ha

 

‘U vicìnu e’ serpènti, s’un ti viri, ti senti

Il vicino di casa è come un serpente, se non ti vede ti sente
Un sapiri cavari u ragnu ru bucu

Non saper levare un ragno da un buco
Un’avi pila supra a lingua

Non ha peli sulla lingua
Un capisci un’acca

Non capisce un’acca
U cìelu u ittò e a tìerra apparò!

Il cielo lo ha dato e la terra lo ha raccolto!
U cùorvu addhivintò nivuru pi pigghiarisi u pinsìeri ri l’avutri!

Il corvo è diventato nero per essersi preso i pensieri degli altri – si è occupato degli affari degli altri

 

Unu, rue è iùocu; tri, quattru è fùocu

Uno o due figli è un gioco, con tre o quattro è un fuoco – detto dei figli

 

Un si fa passari a musca ‘nto nasu!

Non si fa passare la mosca al naso!
Un mancia p’un cacari!

Non mangia per non defecare!
Un è nè cairni nè pisci!

Non è nè carne nè pesce!
U vìeru surdu e chiddu ch’on vuoli sientiri 

Il vero sordo e colui che non vuole sentire
Unciti cu chiddhi megghiu ri tia e pierdici i spisi

Frequenta le persone migliori anche se ciò comporta qualche sacrificio

 

U cani muzzica sìempri u chiù spardatu

Il cane morde sempre il più povero
Unn’è sìempri chi riri a mugghieri ru latru

Non sempre può ridere la moglie del ladro
Uocchi c’aviti fattu chianciri, chianciti

Occhi che avete fatto piangere, piangerete.

 

U picca m’abbasta e assai m’assuviecchia

Il poco mi basta e il molto mi soverchia – bisogna accontentarsi
U immurutu ‘nmenzu a via, u so immu ‘nsu talia

Il gobbo che va per la via, non guarda la propria gobba
Una manu lava l’avutra e cu tutti e due ni lavamu a facci

Una mano lava l’altra e con tutte e due ci laviamo la faccia

 

Un c’è nìenti na casa vacanti

Non c’è niente in una casa vuota

 

Un patri campa cìentu figghi, ma cìentu figghi un campanu un patri

Un padre mantiene cento figli, mentre cento figli non vogliono mantenere un padre
U fierru si batti mentri è cavuru

Il ferro si batte mentre è caldo – I problemi si devono risolvere sul nascere

 

U suli ri marzu e u friscu ri fessuri si pùorta i persuni in sepurtura

Il tempo bello di marzo e il vento gelido delle fessure, è micidiale per le persone anziane

 

Un avi cirivìeddhu!

Non ha cervello!

 

U scìeccu pùorta a pagghia e iddu sa mancia

L’asino porta la paglia e lui stesso la mangia
U stìessu mùortu ‘nsigna a chianciri

La presenza del morto ci insegna a piangere

 

Ucca ca nun parra … si ‘chiama cucuzza

Bocca che non parla … si chiama zucchina

 

‘Un c è artari senza cruci

Non c’è altare senza croce. Non ci sono gioie, senza dolori
‘Un c’è festa, ne fistìnu ch’un c’è mònacu o parrìnu

Non c’è festa ne festino ove non vi sia un monaco o un prete
‘Un pigghiàri ‘u piricìnu r’a visàzza

Non prendere la bisaccia da un angolo

 

‘Un si rimìna fogghia r’àrvulu, senza ‘a vuluntà ri diu

Non si muove foglia, che Dio non voglia
Unni manca … Diu pruvviri

Dove vi e’ miseria .. Dio provvede

 

Utti ‘china e mugghieri ‘mbriaca

Botte piena e moglie ubriaca – dicesi di chi vuole tutto
Unni accatta u pani to pà!

Dove compra il pane papà!

 

U cavaddhu bùonu si viri a cursa lùonga

Il buon cavallo si valuta dopo una lunga corsa
Unu sulu un è bùonu mancu a manciari

Un uomo solo non sa nemmeno mangiare

Pin It on Pinterest

Share This