Seleziona una pagina

Proverbi siciliani e detti con la lettera V

All’interno delle tradizioni non potevano certo mancare riferimenti a proverbi e detti siciliani; si dice che un proverbio, un modo di dire, un detto popolare sia un affermazione che contenga al suo interno giudizi, consigli, espressi in modo molto sintetico e nati da esperienze comuni. Solitamente essi raccontano di una verità: si dice spesso che costituiscono l’anima e la saggezza di un popolo, che rappresentano la “filosofia popolare”. Sicuramente attraverso un’espressione molto breve descrivono l’esperienza millenaria di tutti gli uomini.

Questa raccolta di proverbi in dialetto siciliano, in ordine alfabetico e con la traduzione italiana sottostante, ci consente di comprendere quale sia la filosofia di vita del popolo della Sicilia.

Proverbi siciliani e detti con la lettera V

Vò sapiri qual’è lu megghiu juocu? Fai beni e parra pocu

Vuoi sapere qual’è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco

 

Vùoli a vutti china e a mugghieri ‘mbriaca

Vuole la botte piena di vino e la moglie ubriaca

 

Viri si è china a pila?

Vai a vedere se la vasca è piena?
Va circannu scìecchi mùorti pi livarici i fìerri

Cerca asini morti per toglierci i ferri
Vinni panza e prisìenza

Sono venuto senza portare niente

 

Vali quantu u rui ri cuoppi, quannu a briscula è a dinari

Vale quanto il due di coppe, quando la briscola è a denari
Vo trasiri u scìeccu pa cura!

Vuoi entrare l’asino per la coda!
Viriri a carta mala pigghiata

Vedere (notare) una carta male presa – una situazione problematica

 

Va ìettati a mmari!

Vai a buttarti a mare!

 

Vagnarisi prima di ‘chioviri

Bagnarsi prima di piovere – preoccuparsi senza motivo

 

Varca chi tarda, porta pisca

Barca che ritarda, porta il pescato

 

Vecchiu ‘nnammuratu di tutti è trizziatu

Vecchio innamorato è da tutti deriso

 

Vestiri ‘u pupu

Vestire il pupo.

 

Vicìnu ru rè bijàtu cu c’è

Vicino al re, beato chi c’è
Vinu vecchiu e ogghiu novu

Vino vecchio e olio nuovo.

 

Viriri a tavula e nun manciari … viriri u lettu e nun durmiri … aspittari e nun viniri … su tri cosi di muriri

Vedere cibo e non poter mangiare… vedere il letto e non poter dormire… aspettare chi non arriva… sono tre cose che non si possono sopportare

 

Vói sdivacari tutta cannata? Cardùni amàru e pavùzza calijàta!

Vuoi svuotare tutta la brocca? Ti basterà mangiare cardi amari e fave abbrustolite

 

Vol’essiri di Patti la pignata pri fari la minestra sapurita

Deve essere di Patti la pentola, per fare la minestra saporita

 

Voli  sapiri u pilu, u pilatu e u mastru c’a gghiantatu

Vuol sapere il fatto, l’autore e chi l’ha detto in giro – vuol sapere tutti i  particolari

Pin It on Pinterest

Share This